PARROCCHIE

S. Nicola

comune: Sant'Agata di Puglia (zona: Bovino)

Informazioni utili

Indirizzo: Via Roma, 2
Telefono: 0881984576
Altri dati:

Amministratore parrocchiale: HRYNIEWICKI don RADOSLAW

Orari Sante Messe

Feriale: 18:00
Prefestivo: 18:00
Festivo: 18:00
Note: la chiesa è chiusa per lavori

Scheda Storica

Il culto a S. Nicola di Mira si diffuse in Italia e, particolarmente, nella Puglia, quando le reliquie del Santo Vescovo furono traslate a Bari da alcuni marinai nel 1087.
A S. Nicola furono dedicate numerose Chiese.
Nel territorio di S. Agata di Puglia, nel casale di S. Maria di Olivola, vi era una chiesa di epoca medievale intitolata a S. Nicola, affidata ai Benedettini, ma andò in rovina tra il XIV e il XV secolo.
Secondo lo storico Maruotti, anche in S.Agata vi era una chiesa dedicata al Santo di Mira, risalente alla stessa epoca di quella tenuta dai Benedettini in S. Maria di Olivola.
Successivamente, la necessità di soddisfare alle cresciute esigenze di culto, spinse il Sac. Nicola Morellis de lo Zollo a progettare una nuova Chiesa più ampia e più bella nel sito della precedente.
La costruzione del tempio, favorita e sostenuta finanziariamentedagli Orsini d'Aragona, Signori di S. Agata, da D. Nicola e dai fedeli, iniziata verso la fine del XV secolo, fu portata a termine negli anni venti del 1500.
Lo stesso D. Nicola nel 1522 divenne Parroco della nuova parrocchia che ebbe sede, appunto, in S. Nicola, d'allora ritenuta Chiesa Matrice di S. Agata.
Lungo i secoli successivi la Chiesa fu sottoposta a restauri, ad ampliamenti e fu decorata di stucchi; l'impianto originale (a tre navate, a croce latina, con due ingressi e il succorpo) non subì modifiche.
Nel 1562 sorse in S. Nicola la Confraternita del SS.mo Sacramento.
Nel XVII secolo la Chiesa divenne beneficiaria di rendite provenienti aa donazioni e legati e fu ulteriormente arricchita di opere e oggetti di culto.
Nel 1604 si costituì, con sede nel succorpo di S. Nicola, la Confraternita della Buona Morte.
Nel 1642 la chiesa fu prolungata nelle navate laterali per far posto alle cappelle del SS.mo Sacramento e della Madonna del Rosario, mentre nel 1645 fu prolungata la navata centrale per far posto al coro.
Nel 1642 sorse la Confraternita del S. Rosario.
Negli anni 1649-50 fu costruita la sacrestia e, nel vano destinato al coro, il mastro Jacovo di Vallata collocò 17 stalli canonicali, in legno noce scuro.
Dal 1649 al 1691, ad opera di alcune famiglie di S. Agata (Macchione, Di Lauro e D'Alessandro), furono costruiti cappelle e altari dedicati a S. Gaetano, a S. Gennaro e a S. Rocco.
Il 17.5.1694 Mons. Angelo Ceraso, Vescovo di Bovino, consacrò solennemente la Chiesa.
Nel 1727 furono rifatti il pavimento della chiesa e l'altare del SS. Sacramento in pietra del Calaggio.
Nel 1735 la sacrestia fu arricchita di mobili in noce e nel 1739 fu installato l'organo in Chiesa.
Nel 1746 S. Alfonso de' Liguori con altri nove Padri Redentoristi svolse una missione popolare.
Nel 180410 scalpellino Mansueto Anzano rifece in pietra il portale dell'ingresso principale.
Nel 1813 fu costruita un'altra cappella e nel 1848 fu rifatto in marmo l'altare maggiore.
Nel 1897,su progetto di Ferrante Volpe, l'Impresa Francescantonio Russo rifece il campanile della Chiesa.
Nel 1902 sei altari di pietra furono sostituiti da altari di marmo e, in-quella circostanza, fu rinnovato anche il pavimentodella chiesa.
Dal 1947al 1957il Prof. Enzo Liberti lavorò alla cappella di Gesù Morto, sita nella cripta, e la arricchì di affreschi raffiguranti la Passione di Gesù e i dolori della Vergine SS.ma.
Nel 1976, durante il ministero parrocchiale di Mons. Antonio Labriola, sotto la direzione dell'Arch. L. Marchitelli, iniziarono i lavori di restauro, affidati all'Impresa Michele Riondino di Foggia, che furono portati a termine durante il ministero di D. Michele Falcone.
A sostenere le spese dei lavori concorsero il Sig. Michele Carrillo, le Confraternite di Gesù Morto e del S. Rosario e i fedeli di S. Agata.
A lavori finiti, l' 11.10.1981 il Cardo G. Caprio, invitato dal Parroco, con l'Arcivescovo Mons. S. De Giorgi, inaugurò solennemente la riapertura della Chiesa.
1122.7.1984 fu il Cardo Corrado Ursi a presiedere la solenne Celebrazione del 2900 Anniversario della Dedicazione della Chiesa.
Il 3.10.1993 l'Arcivescovo Mons. G. Casale benedisse la nuova artistica porta di bronzo dell'ingresso principale, opera del Prof. Enzo Liberti.
1123.12.1993 fu inaugurato nei locali della cripta il museo parrocchiale progettato dal Parroco e allestito dalla Pro Loco di S. Agata. Nel 1996 fu inaugurata anche la nuova porta in bronzo dell'ingresso secondario, opera dell' artista Enzo Liberti.